L’ADHD è un disturbo dello Spettro?

ADHD

Una nuova ricerca suggerisce che l’ADHD comprende diversi sottogruppi significativi, ognuno legato a una “debole connessione” nelle reti neurali del cervello.  

, professore di psichiatria alla Oregon Health & Science University, ha individuato le regioni del cervello che controllano l’attenzione, l’impulsività e l’emozione e spiega perché gli scienziati stanno studiando le connessioni della “materia bianca” tra questi circuiti.

Secondo il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-V) , l’ADHD comprende due sottotipi predominanti:

  • disattento 
  • iperattivo / impulsivo. 

Joel Nigg, Ph.D e altri ricercatori, sostengono che la condizione sia invece molto più variabile e con sfumature.

Alcuni bambini sono particolarmente ansiosi. Alcuni sono irrascibili e oppositivi. Alcuni non hanno problemi con le emozioni, ma sono fortemente distraibili…l‘ ADHD è molto variabile ”, afferma Nigg.  “I bambini con ADHD sembrano mostrare diversi profili di regolazione emotiva e problemi di attenzione, forse associati a diversi schemi di maturazione delle reti cerebrali”. 

La biologia del cervello

Le reti cerebrali sono numerose e complicate. Le scansioni cerebrali ci mostrano che i cervelli con ADHD sono in media circa il 10% più piccoli dei cervelli neurotipici. Altre scansioni mostrano che le connessioni nelle reti cerebrali sono meno sviluppate, il che suggerisce problemi con la qualità delle connessioni tra i neuroni, che sono chiamati assoni.

Mentre un bambino matura la materia bianca – o la guaina mielinica – intorno agli assoni fino verso i 20 anni,  per le persone con ADHD, il cervello potrebbe continuare a maturare fino a verso i 30. Questa maturazione della mielina è quello che rende le trasmissioni neurali più veloci ed efficienti ”, afferma Nigg. Recenti studi suggeriscono che le persone con ADHD elaborano le informazioni più lentamente e durante l’elaborazione sono presenti più “rumori”. Ciò può essere appunto correlato all’immaturità delle fibre di mielina. “

Nella sua ricerca Nigg e i suoi collaboratori si sono concentrati in particolare sulle connessioni tra e all’interno della corteccia frontale, della corteccia parietale, dei gangli della base, del talamo e del nucleo accumbens. Nigg afferma che le fibre assonali meno sviluppate nelle connessioni tra queste regioni, possono aiutare a spiegare disattenzione, impulsività e problemi di regolazione emotiva così comuni nelle persone con ADHD.

 

Il cervello con l’ADHD

Disattenzione

Il problema: un bambino con ADHD diventa così “iperfocus” in un videogioco che non è facile per lui smettere di giocare. Oppure non può concentrarsi sui compiti quando i fratelli guardano la TV o giocano nelle vicinanze.

La spiegazione:

  • il “sistema automatico di cattura dell’attenzione” nel cervello è attivato dalla stimolazione del videogioco o dalle distrazioni allettanti nelle vicinanze. Invia un segnale dal basso verso l’alto al lobo parietale, che dovrebbe rispondere con un segnale dall’alto verso il basso ricordando al cervello i suoi obiettivi e obblighi a lungo termine.
  • Nel cervello dell’ADHD, le fibre assonali in questa risposta (dall’alto verso il basso) sono meno sviluppate, quindi il messaggio di ignorare l’ambiente e rifocalizzare sugli obiettivi si perde più facilmente. Non c’è abbastanza controllo dall’alto verso il basso.

 Studi che osservano il cervello utilizzando uno scanner fMRI, mentre i bambini lavorano su un compito di attenzione (come un problema di matematica), mostrano che la rete di attenzione pari-frontale funziona male“, dice Nigg. Inoltre nella ricerca che esamina le fibre di assoni che collegano i circuiti di attenzione del cervello, è emerso che alcune fibre sono appunto meno sviluppate. È come se non fossero ben collegate tra loro nella parte anteriore del cervello, non riuscendo così a catturare efficacemente l’attenzione.

Impulsività

Il problema: un bambino con ADHD dice qualcosa di doloroso a un compagno senza fermarsi a considerare le conseguenze, o saltella letteralmente senza guardare i pericoli.

La spiegazione: il talamo è l’area interna del cervello che aiuta a segnalare la necessità di inibizione della risposta; in altre parole, aiuta a impedirti di svolgere un comportamento che non è nel tuo interesse. Funziona come un cancello, inviando segnali per consentire e arrestare i comportamenti nel modo appropriato. Nel cervello con l’ADHD, le connessioni limbico-ippocampale che trasmettono questi segnali di avvertimento, dal talamo alla corteccia frontale, sono compromesse. È come se il cancello fosse rotto e il comportamento non venisse soppresso quando dovrebbe.

“Le persone senza ADHD hanno la capacità di fermarsi, se riconoscono che una persona non sta sorridendo o non sta rispondendo bene a qualcosa che stanno dicendo”, dice Nigg. “L’adulto medio ha bisogno di soli 200 millisecondi di segnali-avvertimento per interrompere qualcosa che sta per fare, anche se ha iniziato a farlo. Il bambino normotipico ha bisogno di circa 280 millisecondi. Il bambino con ADHD ha bisogno di un preavviso più lungo di 20-30 millisecondi, che è un’eternità quando si tratta di controllo del comportamento

Controllo emotivo

Il problema: un bambino con ADHD risponde in modo esagerato ed estremamente emotivo a ai cambiamenti quotidiani e fa scoppiare crisi che durano ore, perché non riesce a regolare la sua rabbia. I premi a lungo termine sono insignificanti; la gratificazione immediata è tutto.

La spiegazione: l’amigdala sono due regioni cerebrali interne coinvolte nelle reazioni emotive e nel processo decisionale. Inondate di rabbia o preoccupazione, queste regioni distribuiscono segnali dal basso verso l’alto nella corteccia cerebrale. L’insula, una regione della corteccia cerebrale, dovrebbe quindi rispondere con strategie dall’alto verso il basso e obiettivi progettati per inibire la risposta emotiva di un individuo in linea con l’obiettivo. Questo è ciò che ti aiuta a fare un respiro profondo e pensare prima di agire con un’emozione improvvisa. 

Nel cervello dell’ADHD, questa connessione insula-amigdala è debole, il che “può portare a una fragilità nella regolazione delle emozioni negative”, afferma Nigg. La regolazione delle emozioni è una parte importante dell’ADHD che è stata per anni ignorata.

“Allo stesso tempo, le persone con ADHD rispondono in modo eccessivo ai premi quando sono immediati e non ricordano o apprezzano i premi futuri, il che indica un potenziale guasto nel sistema normativo“, afferma Nigg. Quando si confrontano i cervelli con l’ADHD con le persone senza ADHD, vediamo che la connessione tra la corteccia prefrontale e il sistema di ricompensa (che è in parte nel nucleo accumbens) ha ridotto l’attivazione, specialmente nella parte dorsale della corteccia prefrontale. Questo potrebbe spiegare sovraeccitazione, frustrazione e rabbia e incapacità di rispondere a ricompense ritardate.

Non tutti i bambini con ADHD sono uguali

L’ADHD non è quindi una rottura del cervello in un punto preciso. È più una fragilità della connettività, delle reti di comunicazione e un’immaturità di queste reti “, afferma Nigg. Queste reti cerebrali sono correlate tra emozione, attenzione, comportamento e eccitazione. Le persone con ADHD hanno problemi con l’autoregolazione globale/generale

PER ULTERIORE APPROFONDIMENTO: https://mondoadhd.blog/2018/10/03/esiste-lo-spettro-adhd/

Tratto, adattato e tradotto liberamente da:

Is ADHD a Spectrum Disorder?

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...