Gestione dell’ADHD durante la pandemia COVID-19: Linee Guida del Gruppo Europeo ADHD

Th-Lancet

La pandemia della coronavirus  (COVID-19) sta creando sfide senza precedenti in tutti i livelli della società.

Gli individui con disturbi del neurosviluppo, come l’ADHD, sono particolarmente vulnerabili in questa situazione e per le misure di isolamento/distanziamento fisico potrebbero mostrare un aumento dei problemi comportamentali.

La crisi pone alcune importanti domande per i medici su come fornire le cure migliori, considerando  le nuove restrizioni. Pertanto l’European ADHD Guidelines Group (EAGG), ha scritto una “Guida per la valutazione e la gestione dell’ADHD durante la pandemia del virus COVID-19”.

LINK: https://www.thelancet.com/pdfs/journals/lanchi/PIIS2352-4642(20)30110-3.pdf (la Guida è scritta solo in lingua inglese).

Considerando la necessità del distanziamento fisico, viene consigliato che tutte le prestazioni di servizi psico-terapeutici previste, dovrebbero comunque continuare via telefono o con un’adeguata tecnologia video online.

La crisi COVID-19 può essere particolarmente impegnativa per tutti gli adolescenti, ma ancora di più per quelli con diagnosi ADHD e altri disturbi comportamentali.

  • Le scuole e gli insegnanti dovrebbero cercare di monitorare particolarmente questi studenti, ricordandosi le loro caratteristiche/difficoltà, come la disorganizzazione e la facile demotivazione nel svolgere i compiti assegnati.
  • Per le famiglie con bambini con ADHD, la Guida raccomanda l’uso costante delle strategie genitoriali comportamentali per loro previste, perché migliorano la convivenza riducendo i comportamenti oppositivi e distruttivi presenti nelle forme più gravi. Sarà quindi importante continuare ad attingere alle strategie abitualmente raccomandate ai genitori di figli con ADHD, fra cui mantenere una routine quotidiana e un’adeguata igiene del sonno.
  • Le linee guida del dell’EAOG mettono in evidenza l’importanza della costruzione della fiducia in se stessi nel figlio con ADHD, garantendo che tutti i membri della famiglia sappiano cosa ci si aspetta da lui.

Per i bambini/adolescenti con ADHD in terapia farmacologica, i cui sintomi si aggravano per la prolungata situazione di isolamento/restizioni COVID, viene consigliato di non sospenderla durante il fine settimana, a sostegno di una migliore convivenza familiare.

L’impossibilità attuale di effettuare visite cliniche faccia a faccia  per monitorare i farmaci non deve essere considerata una controindicazione per continuare la farmacoterapia in corso.

Rimane importante però che i pazienti possano continuare a contattare i loro specialisti qualora dovessero manifestarsi sintomi avversi/effetti collaterali.

Tratto, tradotto e adattato da:

https://www.thelancet.com/journals/lanchi/article/PIIS2352-4642(20)30110-3/fulltext

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...