ADHD E IL “CICLO DI ECCELLENZA”

Parent_Parenting
La bassa autostima è un problema comune tra i bambini con ADHD che vengono corretti, puniti e presi in giro quotidianamente.

E’ importante, per i genitori e gli insegnanti, aiutarli ad invertire quel danno esponendo i talenti naturali del figlio/alunno, creando forti connessioni emotive e sforzi gratificanti.

Ogni bambino nasce con talenti/doni personali.

Un bambino con ADHD ne possiede anche di straordinari, ma possono essere più nascosti e se vengono trovati, possono essere più difficili da far emergere.

Di seguito un piano  chiamato “ciclo di eccellenza” che può aiutare a rivelare i doni/talenti di un figlio/alunno

Il piano funziona se si valorizza un figlio/alunno con ADHD nel modo giusto, provando a catturare il suo spirito e la sua essenza.

Guardare, ascoltare e interagire con lui/lei e non solo dirigere o preoccuparsi di fargli fare sempre delle cose. Capire e accettare chi è quel figlio/alunno.

  • Prima che venga etichettato come: intelligente o stupido, laborioso o pigro, sportivo o artista, amichevole o taciturno, coinvolgente o spregiudicato…un genitore o un insegnante di solito dovrebbe percepire chi è quel figlio/alunno!

Il “ciclo di eccellenza” potrà aiutare a fare il resto:

  • Creare un’infanzia connessa

Molti bambini possono avere vantaggi economici, ma mancano del vantaggio più importante di tutti: la connessione emotiva con le persone, i luoghi e le attività che amano.

Un bambino “connesso” con il mondo si sente coinvolto se tenuto in posizione da braccia amorevoli.
La “connessione” è una prevenzione contro la disperazione, una vitamina che stimola la crescita positiva. La connessione con la famiglia e la società è al centro di tutto.

Ma “connesso” non significa “senza conflitto”. L’opposto della connessione non è conflitto, ma “indifferenza”. Il modo per creare una famiglia e una scuola connessa è trascorrere del “tempo di qualità” insieme, parlare, interagire…

Coinvolgete questi bambini in gite, rituali, feste e compleanni.
La bellezza di un’infanzia “connessa” è che è disponibile per tutti. È gratis!

  • Incoraggiare la riproduzione

La connessione porta al secondo passo del “ciclo di eccellenza”: imparare giocando !
Il gioco è qualsiasi attività che impegna l’immaginazione di un bambino e illumina la sua mente. Quando i bambini giocano, scoprono il mondo e che tipo di mente hanno, ciò che amano e ciò che vogliono fare di più.

Mentre crescono  è importante che sviluppino sentimenti di: “io posso farcela” e “io voglio farcela“. Sono i sentimenti che servono per guardare avanti, verso il futuro.

Tali sentimenti sono forti predittori di una vita felice, molto più significativi dei migliori voti o trofei vinti nei campi sportivi.

Troppi genitori, insegnanti e allenatori commettono l’errore di chiedere al bambino con ADHD di provare più duramente, di esercitarsi, esercitarsi, esercitarsi…

Chiedere a un bambino con ADHD di “provare di più” è come chiedere a una persona miope di socchiudere gli occhi più forte. E’ solo con gli occhiali giusti che vedrà meglio.

La creazione di un’infanzia connessa e l’apertura di opportunità al gioco sono un’opportunità, come gli occhiali per un miope, per vederci meglio.

  • Aiutare a coltivare un dono/talento

Padroneggiare un dono/talento è fondamentale per il successo di un figlio/alunno. Non vuol dire solo che un bambino debba diventare “il migliore” in qualcosa.

Ciò che conta è fargli fare progressi !

Impegnarsi in un’attività che piace è la forza più potente per costruire l’autostima e la fiducia di un bambino.
Qualsiasi bambino o adulto riesce a fare di più in quello che sa fare meglio.
È imperativo che un genitore o un insegnante aiuti un bambino a progredire con l’ incoraggiamento!

  • Dare il riconoscimento

Una volta che un bambino padroneggia un’attività, fornirgli il riconoscimento.
Con il riconoscimento non s’intende dare solo un premio, o un ruolo principale nella recita scolastica. Un insegnante, un genitore o un amico può farlo usando anche una parola o un gesto per fargli sapere che ha notato e apprezza i progressi che ha fatto.
Tale riconoscimento rafforza la fiducia, l’autostima e la motivazione.

Il trattamento più importante per l’ADHD – ma in generale per qualsiasi bambino e a qualsiasi età – è quello di riuscire ad entrare in un “ciclo di eccellenza“.

La possibilità di farlo è disponibile a tutti, ovunque, sempre…

I genitori e gli insegnanti non dovrebbero preoccuparsi tanto dei voti quanto dei progressi del loro figlio/alunno in questo “ciclo”.

Un bambino può avere voti bassi a scuola, ma percepire che il suo futuro sarà comunque luminoso. Un altro bambino può ottenere ottimi voti a scuola ma vivere un’infanzia sconnessa e senza gioia.

Prendete sul serio in considerazione la possibilità di attivare il “ciclo di eccelllenza” nella vita quotidiana dei vostri figli/alunni per aiutarli a sviluppare l’autostima, la fiducia, il desiderio e l’entusiasmo per la vita.

Ne trarrete entrambi enormi benefici.

Tratto, adattato e tradotto liberamente da:

https://www.additudemag.com/give-your-child-a-bright-future/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...