NOVITA’ DALLA RICERCA: LO SPETTRO ADHD

2bab2bace394c9aa04f43e0640613e6e

Esiste lo spettro ADHD?

Proprio come l’autismo è diagnosticato su uno spettro, un nuovo studio propone di adottare un approccio ad ombrello anche quando si valuta l’ADHD e i suoi sintomi.

Le implicazioni del mondo reale di questa proposta, pubblicate in Biological Psychiatry, sarebbero un cambiamento medico e sociale nel considerare l’ADHD come ad uno spettro di comportamenti tra cui iperattività, impulsività e abilità linguistiche sociali.

È un modo diverso di guardare questi nostri pazienti“, ha detto il Dr. Amen , autore e fondatore delle Amen Clinics, un metodo che potrebbe cambiare il modo in cui classifichiamo i tratti dell’ADHD.

Gli scienziati con lo studio di Biological Psychiatry hanno identificato gruppi di geni per creare un “punteggio di rischio poligenica” che riflette la possibilità di sviluppare l’ADHD.

Hanno poi analizzato i dati per 8.229 dei partecipanti all’Avon Longitudinal Study of Parents and Children (ALSPAC), uno studio a lungo termine che segue genitori e bambini in Inghilterra dalla nascita all’inizio degli anni ’90.

Usando questo punteggio di rischio, hanno scoperto che un maggiore rischio genetico per l’ADHD andava di pari passo con iperattività / impulsività e abilità linguistiche sociali più basse nella popolazione generale di età tra 7 e 10 anni.

La prima autrice, Joanna Martin, spera che l’utilizzo di questi marcatori genetici possa portare a identificare precocemente bambini che potrebbero avere difficoltà a scuola con l’obiettivo di fornire un supporto tempestivo per superare le difficoltà di attenzione in situazioni difficili.

Il team del Dr. Amen ha identificato sette tipi di ADHD: una visione  più ampia simile alla prospettiva dello spettro di questa ricerca. Il team di Amen ha utilizzato l’imaging, mentre il team di Martin ha utilizzato test genetici.

Link di approfondimento: https://mondoadhd.blog/2018/07/27/adhd-e-i-suoi-7-sottotipi-novita-dalla-ricerca-scientifica-internazionale-2/

Il filo conduttore? Entrambi utilizzano nuove tecniche diagnostiche per identificare più da vicino l’area che sta causando il problema ed individuare piani più specifici per trattare la gamma di difficoltà che riconoscono.

Non sono semplici disturbi individuali… hanno bisogno di soluzioni multiple e complesse.

Tratto adattato e tradotto liberamente da:

https://www.additudemag.com/the-adhd-spectrum-a-new-look-at-attention-impulsivity-and-language/

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...