ADHD E ASPETTATIVE DI VITA

928040470-1024x1024

Questioni di trattamento: ADHD e aspettativa di vita.

Una nuova ricerca suggerisce che l’ADHD non trattato riduca l’aspettativa di vita delle persone che ne soffrono.

La Fondazione CHADD e dottor Russell Barkley , annunciano i risultati.

Il messaggio è chiaro:

Le terapie per l’ADHD hanno la possibilità di aggiungere una media dai 9 ai 13 anni alla durata della vita di bambini e adulti con diagnosi di ADHD.

Questo è il risultato di uno studio di ricerca all’avanguardia condotto da Russell A. Barkley, che ha valutato la connessione tra l’ADHD e i 14 fattori critici per la salute, tra cui alimentazione, l’uso di tabacco e alcol.

Il Dr. Barkley ha riassunto le sue scoperte nel suo discorso di apertura alla Conferenza internazionale annuale del 2018 sull’ADHD a St. Louis, nel Missouri, dove gli è stato conferito il Premio alla carriera.

Lo studio completo, dal titolo “ L’ ADHD e l’aspettativa di vita stimata per il follow-up dei giovani adulti: il ruolo della persistenza dell’ADHD e di altri potenziali predittori”, è stato recentemente pubblicato sul Journal of Attention Disorders.

La nostra ricerca dimostra che l’ADHD è molto più di un disturbo dello sviluppo neurologico, è un problema significativo per la salute pubblica“, afferma il Dr Barkley. “Nel valutare le conseguenze sulla salute dell’ADHD nel tempo, abbiamo scoperto che l’ADHD influisce negativamente su ogni aspetto della qualità della vita e della longevità. Ciò è dovuto alle intrinseche carenze nell’autoregolazione associate all’ADHD che portano a una scarsa cura di sé e ad un comportamento impulsivo ad alto rischio. I risultati stanno facendo riflettere, ma anche incoraggiando, come l’ADHD sia il disturbo di salute mentale più curabile in psichiatria “.

Il dottor Barkley e il suo team hanno utilizzato i dati di uno studio longitudinale a Milwaukee, nel Wisconsin, che ha seguito un gruppo di pazienti, per lo più maschi, con ADHD – dall’infanzia all’età adulta – e hanno analizzato i dati utilizzando un calcolatore di aspettativa di vita sviluppato presso l’Università del Connecticut dal Centro Goldenson per la ricerca attuariale.

La ricerca di Barkley conferma ciò che abbiamo sospettato da molto tempo“, afferma l’esperto portavoce del CHADD, Eugene Arnold – professore emerito di psichiatria e scienze comportamentali, programma di sperimentazione clinica del centro Nisonger, Ohio State University.

Il CHADD è la principale organizzazione/risorsa degli Stati Uniti per l’ADHD che fornisce supporto, formazione e sostegno ai bambini agli adulti che vivono con l’ADHD, alle loro famiglie, agli educatori/insegnanti e agli operatori sanitari.

Il Dott. Barkley ha lavorato con il CHADD in varie funzioni per oltre trent’anni e collaborerà con l’organizzazione per identificare ed eseguire varie iniziative derivanti da questi suoi risultati di ricerca.
L’ADHD è un grave problema di salute che non è stato valutato in questa luce dai responsabili delle politiche”, aggiunge il dottor Arnold. “Deve essere preso molto più sul serio.”

A diversi livelli, l’ADHD è un fattore in molti comportamenti di stile di vita di primo ordine che si traducono in una ridotta aspettativa di vita e il Dr. Barkley sostiene che questi comportamenti non miglioreranno fino a quando non verrà affrontato il problema di fondo.

“Gli operatori sanitari devono guardare dietro il sipario dell’ADHD”, afferma il dott. Barkley.

Dobbiamo continuare ad educare gli specialisti sull’impatto dei sintomi dell’ADHD. La buona notizia è che, con una diagnosi accurata e l’uso continuato di trattamenti basati sull’evidenza, tra cui la terapia cognitiva, il supporto educativo e se necessario i farmaci, le persone con ADHD possono aggiungere molti anni alle loro vite.”

Il video in lingua originale dell’intervista rilasciata dal dr. Barkley sui dati emersi dalla sua ricerca:

Tratto, adattato e tradotto liberamente da:

https://chadd.org/treatment-matters-adhd-and-life-expectancy/?fbclid=IwAR0rs11lcBPm2lcJEyYc1CT08_zC148ic0i-3ix6H5KGz-_TadcA_d2V3xs

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...