ADHD & GENITORIALITA’

untitled3

CONDIVISIONE DI TESTIMONIANZA

Puoi essere il genitore di un figlio con ADHD ed essere comunque felice?

Potresti essere sorpreso di apprendere che gestire l’infelicità è una delle chiavi per aumentare la felicità.

Come genitore di due giovani adulti con ADHD, condivido alcune cose che negli anni ho imparato sulla gestione dell’infelicità sperando che possano essere utili:

• Durante i momenti difficili è realistico mantenere l’obiettivo di sentirsi felici ? Accadono cose semplicemente tristi o sconvolgenti.  Affrontare i momenti di disagio non è istintivo o naturale. Ho dovuto imparare le tecniche per “sedermi con la  mia tristezza“.

• Se ti trovi in ​​una situazione veramente infelice potresti voler affrontare immediatamente un problema, ma è meglio stabilizzarti emotivamente prima di prendere parte a decisioni o conversazioni difficili.

• Connettiti con altri che vivono in una situazione simile alla tua. Probabilmente dovrai guardare fuori dalla cerchia di amici che stanno allevando bambini neurotipici. Avere amici comprensivi e di supporto offre molti vantaggi. Rendi per te questa cosa una priorità.

Adatta le tue aspettative. Mi piace il detto “Non andare al negozio di ferramenta per un pezzo di pane“. Ciò significa avere aspettative ragionevoli e non aspettarsi azioni/comportamenti che non appartengono alle capacità dei nostri figli con ADHD. Riconoscere piuttosto che ci sono lavori in corso, fornisce una prospettiva più realistica.

• Evita i genitori che evidenziano figli “perfetti“. Puoi scegliere chi frequentare. Se ti capita inaspettatamente di ritrovarti in loro compagnia, trova una scusa e allontanati il prima possibile. Non si è costretti  ad ascoltare la condivisione di storie di bambini favolosi, eccezionali, meravigliosi…
Man mano che aggiungerai più felicità alla tua vita, svilupperai una maggiore tolleranza e potresti persino apprezzare le realizzazioni di altri bambini. Ma se non ci sei ancora, evita situazioni che ti creano troppa frustrazione.

• Non esagerare nel sacrificarti come genitore. Sentirsi troppo scoraggiati per non riuscire più a dedicarsi almeno ad una passione importante della propria vita, vuol dire che vanno ridimensionate o incanalate meglio le energie che dedichi nel far crescere i tuoi figli. 

Tratto, adattato e tradotto liberamente da:

http://creativeadhdparenting.blogspot.com/2015/05/managing-unhappiness.html?utm_source=hootsuite&utm_medium=&utm_term=&utm_content=&utm_campaign=

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...