ADHD E LA LOTTA PER ADDORMENTARSI

 non-voglio-andare-a-letto-872x638

E’ abbastanza comune per i bambini (e gli adulti) con ADHD  che lottino con i disturbi del sonno.

Ci sono alcune cose che puoi provare per aiutare il tuo bambino a rilassarsi  ed essere più disponibile per andare a dormire.

I bambini con ADHD hanno difficoltà a regolare i centri di eccitazione e vigilanza del loro cervello. Queste sono le aree che influenzano l’attenzione ma regolano anche il sonno. Non ci sono soluzioni rapide per eliminare i problemi di sonno, ma ci sono dei passi da fare e delle modifiche che puoi apportare, per provare a migliorarli.

La prima cosa da fare è assicurarsi che non ci sia un motivo medico (qualcosa di diverso dall’ADHD) come per es. l’apnea notturna. I segni di quella condizione includono forte russare e pause nella respirazione. Parla con il medico di tuo figlio per escluderlo.

Un altro passo importante è prendere nota della quantità di stress, o ansia nella vita di tuo figlio. (Se i pensieri ansiosi lo tengono sveglio la notte, potrebbe provare a tenere un diario accanto al suo letto, per scriverli prima che si addormenti, per toglierseli momentaneamente dalla testa.)

Dopo aver escluso altre cause mediche specifiche, ecco alcuni consigli per aiutare il tuo bambino a rilassarsi prima di andare a dormire.

  • Spiega che è un problema. I bambini non sempre si rendono conto che ciò che stanno vivendo non è normale, o che c’è una ragione per questo. Puoi dire qualcosa del tipo “Sembra davvero che tu stia lottando per addormentarti. Molti bambini con ADHD hanno problemi con questo. Parliamo con il medico e vediamo se ha idee da suggeririci per quello che possiamo fare.
  • Aiutalo ad entrare nella giusta mentalità per dormire. Molti bambini con ADHD hanno bisogno di aiuto per imparare bene come farlo. Assicurati che tuo figlio usi il suo letto solo per attività tranquille, come leggere o ascoltare un pò di musica.
  • Assicurati che la temperatura della sua stanza sia quella che induce/aiuta il sonno.
  • Crea rituali di transizione chiari e costanti. Prendere l’abitudine di fare cose rilassanti prima di dormire (rallentare), come leggere storie della buonanotte, o fare un pò di massaggi e coccole.
  • Elimina le cose che si intromettono nel sonno: cene pesanti, intense conversazioni emotive, TV, videogiochi…
  • Mantenere un buon dialogo. Parla con tuo figlio di cosa sta succedendo nella sua vita. Le situazioni stressanti possono influenzare il sonno. Questi potrebbero includere: bullismo, difficoltà ad adattarsi a un nuovo insegnante, problemi familiari a casa, la morte di un familiare o di un animale domestico, o anche solo rivalità fraterna. Individuare possibili  fonti di stress, o almeno riconoscerle e parlarne, può avere un impatto positivo sul sonno del bambino.
  • Consulta il medico di tuo figlio. Solitamente i farmaci per i problemi del sonno sono l’ultima risorsa. Ma ci sono alcune buone opzioni che vale la pena parlare con il medico, se altri cambiamenti non aiutano.
  • Consultare un esperto del “disturbo sonno”. A volte i problemi di sonno persistono, non importa quello che fai. A quel punto, potresti voler parlare con un dottore specializzato nel trattamento dei disturbi del sonno. Questo specialista avrà sicuramente consigli mirati per aiutarti. I trattamenti comprendono molti dei suggerimenti sopra menzionati, ma il medico ti aiuterà a personalizzarne anche altri per tuo figlio. 

Dormire troppo poco può influire sul rendimento sclastico dei bambini/ragazzi, oltre che sulla loro salute e l’ umore. Quindi qualsiasi successo che avrai nell’aiutare tuo figlio a rilassarsi e potersi addormentare più facilmente, potrà avere un impatto positivo nella sua qualità di vita.

In effetti, molti studi stanno dimostrando che trattare i problemi del sonno potrebbe essere una parte fondamentale del trattamento completo per l’ADHD.

Tratto, adattato e tradotto liberammente da:

https://www.understood.org/en/learning-attention-issues/child-learning-disabilities/add-adhd/my-child-with-adhd-cant-wind-down-at-night-what-can-i-do

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...