ADHD E SPETTRO AUTISTICO

29496974_10208965902624920_1269723954047976545_n

 

Fino al 2013 una diagnosi congiunta (o comorbida) di autismo e ADHD non era permessa dal manuale psichiatrico più influente: il Manuale Diagnostico e Statistico dei disturbi mentali (DSM).

Il DSM è uno strumento essenziale in psichiatria, in quanto consente a medici e ricercatori di utilizzare una struttura standard per la classificazione dei disturbi mentali.

Uno dei motivi per non considerare la possibilità di una diagnosi comorbida di autismo e ADHD era dovuta alla gravità dell’autismo che lo collocava al di sopra dell’ADHD nella gerarchia diagnostica, quindi la disattenzione normalmente presente nell’autismo non sembrava meritare una diagnosi aggiuntiva.
Ciononostante gli studi attuali indicano che dal 30% all’80% dei pazienti con autismo hanno anche l’ ADHD .

La 5 edizione del DSM ha aperto la strada a uno sguardo più dettagliato a questa sovrapposizione, e appena un anno dopo l’adozione delle nuove linee guida, il NeuroIMAGE presso l’ Università Radboud di Nijmegen, in Olanda, ha pubblicato un articolo che mostrava che i tratti autistici nei partecipanti con ADHD potevano essere previsti da complesse interazioni tra i volumi di materia grigia e bianca nel cervello. (…)
I livelli elevati di tratti autistici, nei partecipanti con ADHD nello studio NeuroIMAGE, riflettono il fatto che l’autismo è un disturbo dello spettro distribuito nell’intera popolazione.

Le scansioni MRI di oltre 500 partecipanti al progetto NeuroIMAGE ha esaminato in dettaglio le strutture cerebrali coinvolte nella sovrapposizione di ADHD e autismo.
Le ultime scoperte si aggiungono a un crescente numero di prove che suggeriscono che i problemi nei circuiti di ricompensa dello striato possono portare a una diminuzione della motivazione a partecipare a stimoli sociali.

I livelli di ADHD nell’autismo sono spesso ignorati, mentre si sta dimostrando che questi possono avere un grande impatto sui risultati terapeutici.
Da un punto di vista della ricerca la quinta edizione del DSM fornirà certamente un quadro scientifico migliore per studiare la sovrapposizione di questi due disordini in modo più dettagliato. (…)

Tratto, adattato e tradotto liberamente da:
https://www.theguardian.com/…/why-its-time-to-investigate-t…

 

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...