ADHD E SUGGERIMENTI PER PARLARE DELLA DIAGNOSI CON IL VOSTRO BAMBINO

21740528_10207864678054994_1701357826879792455_n

Può essere difficile sapere cosa dire al proprio figlio riguardo alla sua diagnosi di ADHD .
Bisognerà tener conto dell’età e delle sue esperienze .

Un bambino più grande potrebbe essere interessato all’aspetto scientifico e voler sapere come funziona il suo cervello, a un bambino più piccolo magari basta sapere che per quello che sta attraversando andrà tutto bene e che i suoi genitori lo aiuteranno.

Alcune raccomandazioni:

• Non dite: ” Tu sei un ADHD”. Il vostro bambino non è una diagnosi medica.  Provate a dire: “L’ADHD è solo qualcosa che tu hai, ma che non definisce CHI SEI“. ( si dice infatti “ tu hai l’influenza e non “tu sei l’influenza “…)


• Allo stesso modo evitate di dire “Hai un disturbo“. Questo potrebbe sembrare spaventoso per un bambino. Invece provate a dire: “Il tuo cervello funziona in modo diverso, proprio come gli occhi di alcune persone vedono in modo diverso“, (facendo gli esempi della miopia, ipermetropia, astigmatismo …)

• Qualora debba seguire la terapia farmacologica evitate di dire: “Hai bisogno di un farmaco per imparare, o per comportarti bene “. Spiegate che è solo uno dei molteplici trattamenti previsti dal suo piano terapeutico, uno dei tanti strumenti che lo aiuterà a filtrare le distrazioni, in modo da poter imparare o ascoltare nel modo in cui vuole.

Spiegategli tranquillamente che:

• quello che sta vivendo, o affrontando, è normale per un bambino con l’ ADHD, ma che voi lo sosterrete e lavorerete insieme per rendere le cose migliori a casa e a scuola.

• che l’ ADHD forse non sparirà dalla sua vita, ma che siete una squadra – lui, voi, i suoi insegnanti, i suoi medici, insieme troverete man mano le soluzioni.

• che l’ADHD non dovrà diventare una scusa per comportarsi male e che lavorerete insieme per risolvere i problemi quando metteranno in difficoltà lui e chi lo circonda.
Potenziate il vostro bambino:
• L’ADHD è un modo diverso di vivere. Il vostro ruolo di genitori rimane quello di crescere vostro figlio insegnandogli a trovare le soluzioni efficaci per contenere i sintomi e farlo crescere il più serenamente possibile.

• Insegnate a vostro figlio che esistono molte strategie per convivere con l’ADHD, incoraggiandolo ad usarle per arrivare all’adolescenza e all’età adulta con la consapevolezza di potercela fare !
Tratto adattato e tradotto liberamente da:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...