ADHD E ASSEGNO INDENNITA’ DI FREQUENZA

 

19959075_10207372392148154_1686780360199270152_n

Solitamente l’indennità di frequenza è concessa ai minori che usufruiscono della Legge 104/92, ma in alcune Regioni è erogata anche per  diagnosi di ADHD+DSA

Con riferimento ai pazienti con Disturbi dell’apprendimento, la legge 289/1990 disciplina la possibilità per tutti i minori di ottenere un’indennità di frequenza, erogata dall’INPS, per aiutare le famiglie a sostenere le spese, per PC, programmi, medici specialisti, ecc., fino all’età di 18 anni.

Ai sensi dell’articolo 1 della legge 289/1990, l’indennità mensile di frequenza è concessa, infatti, agli invalidi civili minori di anni 18 che frequentano scuole, pubbliche o private, di ogni ordine e grado, a partire dalla scuola materna. L’assegno ammonta a 279,47 euro mensili per tutto l’anno scolastico del bambino ed anche per i periodi estivi, se vengono frequentati centri di riabilitazione privati, riconosciuti.

Tale indennità è concessa, ai minori disabili e ai minori sulla cui diagnosi/certificazione sia indicato «minore con difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie dell’età».

Come richiedere l’indennità di frequenza?

Bisogna rivolgersi al medico curante, o al pediatra del minore, e chiedere di fare la richiesta di indennità di frequenza, il quale dovrà produrre un certificato da inoltrare all’INPS (facendosi aiutare da un patronato)
A questo punto si aspetta la convocazione per la visita medico legale da parte delle ASL (in genere si attendono mesi).

Al momento della visita bisognerà portare la documentazione relativa a:

– i disturbi diagnosticati al minore (è opportuno aggiungere anche i referti delle varie visite specialistiche in originale, a cui può essere stato sottoposto: psicologo, neuropsichiatra, logopedista, otorinolaringoiatra, oculista, ecc.)
– i quaderni scolastici dove si evidenziano le sue difficoltà
– i documenti riferiti alle spese sostenute (trattamenti neuropsicologici, logopedia, ripeti zioni, acquisto di materiale informatico, ecc.)                                                                                 – fotocopia del documento di identità

CONSIGLIO PERSONALE IMPORTANTE: in sede di visita è possibile chiedere alla commissione di avere il colloquio separato dal figlio, come motivazione che esporre le sue difficoltà davanti a medici che non conosce può urtare la sua emotività/sensibilità.
Questa strategia vi permetterà di spiegare e documentare a ruota libera tutte le ragioni della vostra richiesta, senza sentirvi a disagio per la presenza del bambino. In questo modo al bambino verrà fatto, subito di seguito, solo un breve e formale colloquio, anche per lui a quel punto meno imbarazzante.

L’esito della visita verrà comunicato mediante raccomandata.

È possibile che la domanda venga respinta ma è comunque possibile fare ricorso con un accertamento preventivo obbligatorio dinanzi al Tribunale, dove si risiede sperando in un esito differente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...