ADHD E DISTURBI DEL SONNO… c’è un legame?

21728133_10207870061789584_5250817394612079818_n

Recenti studi suggeriscono sempre di più un legame tra ADHD e disturbi del sonno.

La Prof. dr. Sandra Kooij, specialista della psichiatria presso il VU University Medical Center di Amsterdam, si è interessata molto degli studi sul collegamento fra i disturbi del sonno e l’ ADHD.

Anche se è noto che il 75% dei bambini e degli adulti con ADHD hanno anche problemi di addormentamento, le due condizioni sono di solito considerate separatamente.

Sembra però che i disordini del ritmo circadiano (giorno-notte) siano presenti nella maggioranza dei pazienti con ADHD”, ha commentato Sandra Kooij.
E ha aggiunto ancora : “Sembra sempre più probabile che l’ADHD e l’insonnia rappresentino i due lati dello stesso problema mentale e fisiologico. ”

I dati presentati dalla ricercatrice mostrano che tra il 75% delle persone con ADHD, hanno la fase fisiologica di addormentamento ritardata di un’ora e mezza.
Durante questa fase il corpo secreta più melatonina, l’ormone del sonno e quindi alcune persone assumendola come integratore possono avere beneficio nel regolare il sonno.

Ipersensibilità alla luce:

Altri studi pubblicati di recente hanno dimostrato che circa il 70% degli adulti con ADHD soffre anche di ipersensibilità alla luce. Quest’ultima li incoraggia a indossare occhiali da sole per lunghe ore, rafforzando ulteriormente i disturbi dei ritmi circadiani.

Sembra anche che i soggetti con ADHD mostrino più attenzione/concentrazione nelle ore serali/notturne e molto meno al mattino o durante il giorno.
Molti disturbi del sonno, come la “sindrome delle gambe senza riposo” o ” l’apnea del sonno” e altri disturbi del ritmo circadiano, potrebbero essere associati all’ADHD.

Possibili trattamenti:

Se c’è quindi relazione tra ADHD e disturbi del sonno, viene sollevata la questione se è l’ADHD a generare l’ insonnia o il contrario“, ha commentato la dr.ssa Sandra Kooij.
Non affermiamo che tutte le persone con ADHD abbiano disturbi del ritmo circadiano, ma dalla ricerca in corso sembra sempre più probabile che la presenza di questi ultimi svolgano un ruolo importante nella loro vita

Se i disturbi del sonno inducono all’iperattività potrebbe essere possibile in futuro trattare questi pazienti anche con la luminoterapia.

Tratto, adattato e tradotto liberamente da: https://fr.metrotime.be/2017/09/10/actualite/lhyperactivite-manque-de-sommeil-lies/

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...